MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

martedì 29 agosto 2017

QED 82: Santo (massimo) subito!

Nel post precedente vi esortavo a non assumere atteggiamenti inopportuni (fastidiosamente polemici, o peggio ancora biecamente offensivi) con i nostri agonizzanti avversari politici, che si stanno spegnendo non serenamente e non lentamente. I motivi della loro ributtante agonia sono tanti, e in effetti questo blog è una articolata spiegazione di un fenomeno che quindi per voi non ha segreti. Vi farà piacere però vederlo espresso in questa formulazione particolarmente sintetica:


Le solite malelingue dicono che questo collega abbia qualche difficoltà a rendersi conto del fatto che la moneta non è una merce ma un'istituzione, e in effetti di sue esternazioni sull'euro non me ne sono giunte (non siamo in tanti a farne, il paese è piccolo, e se la gente non mormora... significa che non c'è da mormorare!). Qualora fosse così, lui non starebbe con il 97%, ma con il 99,9% degli italiani, e con il 100% dei suoi colleghi (non abbiamo mai parlato - o meglio: Celso ci ha provato - della piddinitas degli storici), quindi non mi sembra il caso di sottilizzare troppo! Contro la legge dei grandi numeri non c'è Poisson che tenga. Ove mai questo trascurabile "lieve limite" analitico condizionasse la sua lettura della realtà, resterebbe il dato che la sua (facile) profezia è esposta nel numero perfetto di righe: tre, e in un linguaggio molto incisivo.

Il discepolo di Etarcos, il piddino, sa di sapere, e sa, in diretta conseguenza di questo assunto, di essere migliore degli altri. Invece è una povera buccia di uomo che il capitale ha sputato, dopo averla svuotata di umanità, di empatia, di amore per il prossimo, quest'ultimo sostituito da massicce dosi di amore per il distante, purché, rigorosamente, a spese altrui (la casa da occupare è sempre quella del vicino: vogliamo aprire il capitolo del NIMBY umanitario?). "Suprematismo morale": questo è. Bravo Santomassimo! Dobbiamo ringraziare chi lo dice (ci vuole coraggio), e chi ne analizza così lucidamente le conseguenze.

Amen.





















































...ma... e il QED?






















































Bè: il QED è questo!

Poveri piddini... Si consolano dicendosi che se non riescono a trovar cuochi è perché in riviera c'è troppo lavoro... Se fosse così, tranquilli: dopo che lo stupro, opportunamente enfatizzato dalle agenzie di stampa italiane (?), ha distrutto il turismo a Rimini, a rigor di logica l'anno prossimo i cuochi dovreste averli. Invece non li avrete: perché chi rimarrà disoccupato, saprà che la colpa è vostra: saprà, o comunque intuirà, che il suo posto di lavoro è stato distrutto o dall'incontrollata mobilità del capitale, o dall'incontrollata mobilità del lavoro, o da entrambe, cioè da voi, e tutto quello che vorrà fare è presentarvene il conto alle elezioni: certo non venire a fare il "volontario" alle vostre agapi fraterne...

Addio, piadine sorgenti dal lambrusco...

53 commenti:

  1. Penso che gli eurioti di stirpe piddina faranno un qualche tipo di golpe. Naturalmente daranno la colpa ad altri. Non lasceranno il potere.
    Fino a che leuropa non crollerà su di loro.
    Dobbiamo vigilare senza farci distrarre da falsi obiettivi.

    RispondiElimina
  2. Considerando come si dimenano e Latrano sanno di essere al radde rationem

    RispondiElimina
  3. In effetti se chi dovrebbe tutelare il lavoro non lo fa, poi è difficile che trovi lavoratori volontari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è così facile fare il lavoratore "volontario", pur non volendo, che non c'è più incentivo a farlo volendo. Non è più neppure dimostrazione credibile di suprematismo di abnegazione.

      Elimina
    2. È che siamo ancora (fortunatamente per poco) in regime transitorio. In attesa che alla rosolatura di salsicce vengano riconosciuti i crismi di progetto personalizzato di affrancamento dalla povertà. In cui cimentarsi famigliola al seguito (!) nei condizionabili ritagli di temperatura libero tra un turno al call center e una preparazione di dentifricio a base di argilla bianca. A dimostrazione pratica che, come in tutte le cose, al fondo quello che conta davvero è la buona volontà: basta metterla in condizione di esprimersi.

      Elimina
    3. Pare che la maggior inflazione non sia a carico dei prezzi, ma a carico del linguaggio. Infatti temo che anche bussando alla porta dei disoccupati volontari non otterranno adesioni. Questo per il semplice motivo che il vocabolo "cercare volontari" nel linguaggio politically correct è un eufemismo per "obbligare qualcuno a" e, visti gli attentati alla Costituzione, assume anche il significato più inquietante di "conculcare".

      Elimina
    4. Tempo o temperatura siamo là: il caldo non aiuta a domare il T9.

      Elimina
  4. "Suprematismo morale": la definizione che serviva.
    E avanti...

    RispondiElimina
  5. Vogliamo salutarli in latino?
    ...

    VALETE. Niente.

    RispondiElimina
  6. Mi scuso in anticipo per lo sfogo e il commento off topic.
    Al contrario sono numerosi i volontari che da giorni si adoperano per creare uno sbarramento alle fiamme dell’incendio che da 10 giorni sta devastando il Monte Morrone e la Valle Peligna.

    http://www.repubblica.it/cronaca/2017/08/29/news/da_dieci_giorni_in_fiamme_i_monti_di_celestino_v-174115259/#gallery-slider=173784260

    Rischiando letteralmente la vita.

    http://www.ansa.it/abruzzo/notizie/2017/08/29/incendio-morrone-volontario-in-prognosi-riservata_f67dbd54-443c-460f-9778-19de944381d4.html

    http://www.ilcentro.it/l-aquila/incendio-sul-morrone-sedici-volontari-intrappolati-dal-fuoco-1.1693138

    La Forestale e la spesa pubblica improduttiva. Maledetti loro.

    RispondiElimina
  7. Già, le elezioni, ci ha pensato anche la Beata Milena da Report.

    Previste diffuse manifestazioni di schizo(o schizzo?)frenia tra i piddini ...

    RispondiElimina
  8. "In molti sono impegnati in riviera" is the new "Amore posso spiegarti tutto"

    RispondiElimina
  9. L'Euro è solo una moneta, però il Franco CFA no, è lo strumento con cui i francesi hanno cercato di mantenere la sostanza del proprio potere coloniale.

    Secondo il seguente principio: per ragioni prettamente cosmetiche rinunciamo al potere politico ma ci teniamo quello economico (tanto il potere politico senza potere economico non conta un benin).

    RispondiElimina
  10. Tutto giusto (e per la mancanza di cuochi e conseguente annullamento godo come mai), però per le elezioni ho paura che possano comunque, anche se non vincere, mantenere una certa posizione. Chiaro che nessuno li voterá perché li vuole, però...
    Naturalmente mi auguro di no.

    RispondiElimina
  11. Altro che stare calmi! Questi diversamente intelligenti hanno segato il ramo dei volontari su cui erano seduti, banalmente perche' hanno oscenamente ritardato l'eta' pensionabile! Dai 55 anni in su si poteva ancora contribuire alla Societa', invece si e' preferito farci continuare a contribuire alle societa' per azioni, che non mi risulta offrano permessi retribuiti per friggere salamelle od accompagnare bambini a scuola.

    RispondiElimina
  12. Ormai neanche più il cane mena la coda per niente...provare a pagare?

    RispondiElimina
  13. salve,
    a mio modesto parere, non permetteranno che le cose si svolgano in modo naturale.
    Il sistema già rodato è quello della grosse koalition che fa dell'intrico partitico il suo punto di forza, sia per confondere l'elettore che per assorbire le mazzate alle elezioni.
    Ma quello che mi preoccupa è il sistema in rodaggio al momento, la strategia della tensione 2.0 ...

    RispondiElimina
  14. Da bambino andavo con babbo e gli amici alle feste dell'Unità, piene di gente anche nella Vandea lombarda. Era esaltante, c'era il Supertele, la pésca, le patatine fritte. Questo fino al 1991, quando avevo nove anni. Poi i miei non mi hanno più portato: forse avevano intuito dove si andava a parare. Lavorando da adulto per qualche settimana nell'archivio di una federazione locale del PCI (poi PDS, DS e, putridus in fundo, PD) mi ha stupito una cosa: negli anni '60, '70 e '80 tra compagni si parlava solo di problematiche lavorative (se proprio avanzavano dieci minuti si discuteva di smaltimento dei rifiuti o acque inquinate). Da quanto il PD non parla di occupazione (e qualità dell'occupazione) se non per vuoti slogan (ilgiobact è bello e fa bene alla salute)? Così pensava forte un trentacinquenne disperato, che amava le feste dell'Unità.

    RispondiElimina
  15. Allo stupro fisico di Rimini Il Corriere ha voluto aggiungere il consueto stupro del giornalismo: il titolo usato in prima pagina era "Kubrick nei luoghi di Fellini"

    RispondiElimina
  16. Il sistema è in profonda crisi se financo chi ha fatto dell'appartenenza una ragione di vita sta abbandonando in tutta fretta le posizioni. Eppure, anche riallacciandomi al post precedente, non dimentichiamo che, nonostante l'eroico lavoro del Professore e, aggiungerei, di ciascuno di noi nel suo piccolo, la maggior parte degli italiani è ancora convinta della veridicità della narrazione neoliberista che gli è stato inculcata per trent'anni, fatto, questo, che potrebbe generare reazioni impreviste e pericolose quando alla fine il crollo verrà.

    RispondiElimina
  17. Restare calmi? E chi lo spiega ai ragazzi che la sera debbono tornare presto a casa, che sul lungomare, in pineta, in villa non ci possono più andare, che devono evitare i luoghi solitari...e quelli affollati, che le ragazze i pantaloncini è meglio di no. Insomma come è possibile che si sia arrivati a questo? E con l'allucinante silenzio di Madama Boldrini...erne.1947

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Presidenta vale elettoralmente il 10% dei voti per il PD, sia che parli sia che stia zitta, ormai è ininfluente.
      Scusate, ho dimenticato il segno meno...

      Elimina
    2. Questa è riuscita a farmi rimpiangere perfino una come la Pivetti. Che, col senno di poi, in confronto pareva una statista.

      E pensare che come molti giovani di belle speranze, anche io sono stato di sinistra.

      Elimina
  18. Neanche la festa dell'unita a Roma si è vista, quest'estate...

    RispondiElimina
  19. Questo sì che è un lavoro che gli Italiani non vogliono più fare.

    Gabriele Bellussi

    RispondiElimina
  20. La vera sfida sarà indirizzare questa ondata di protesta nella giusta direzione. La rete di salvataggio PUDE dei 5S è lì, bella tesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero però una bella mazzata (tipo mandarli sotto il 20%) avrebbe comunque effetti distruttivi sul partito. I 5S a quel punto sarebbero con le spalle al muro e dovrebbero rivelarsi per quello che sono...

      Elimina
  21. I sondaggi ufficiali danno il pd al 24 per cento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque professore ancora una volta ha dimostrato di avere doti di analisi che rasentano la preveggenza, dal suo appello alla calma non è che un fiorire di editoriali più deliranti del solito su migranti e necessità di meticciato e empietà varie, si stanno suicidando, considerando la posizione di Washington e le esternazioni di diversi esponenti nato qualcuno ai piani alti potrebbe pure darci una mano.

      Elimina
    2. Anche troppo, crollerà sotto il 20.

      Elimina
    3. State calmi! Altri sondaggi danno il PD come primo partito al 27,5% ...

      https://www.investireoggi.it/economia/sondaggi-politici-ad-oggi-29-agosto-pd-avanti-m5s-insegue/

      Elimina
    4. Personalmente io sono calmissimo...e non mi riferivo di certo ai sondaggi italiani...ma al voto degli italiani, una cosa leggermente diversa diciamo.

      Elimina
    5. Screenshot subito!
      Tranquillo, Peter, c'è il M5S come paracadute del PD.
      Sarà bellissimo darti del grillino.

      Elimina
    6. @Peter Yanez,
      quello che citi non è un sondaggio ma solo la quarta Pia, Pia speranza, appositamente creato dagli amici (Agorà Rai) per i loro amici. E non ho dubbi che sperino che il PDeuro non cada a livelli penosi, dopodichè potrebbero svegliarsi.
      Però, la cosa che mi meraviglia in un furbo come vorresti apparire, è che dopo tanti anni che rompi i coglioni a tutti sul web, tu non abbia ancora imparato ad inserire correttamente i "link attivi".; la forma è sostanza e a te manca proprio la sostanza.

      Elimina
    7. Anche il PD crollasse, e speriamo di sì, questo sarà garanzia di una ripresa dell'ideologia sovranista (chiamiamola così) su quella eurista? Mah, è da vedere... speriamo... Sicuramente sarebbe una vittoria tattica.
      Non vorrei che si confondesse il fine con il mezzo: la morte del PD è un mezzo, non un fine: il fine deve essere la morte del liberalismo.
      Banalità e ovvietà, ma meglio ribadire anche l'ovvio.

      Elimina
  22. Il 20 per cento è ancora troppo. Devono scendere ancora, altrimenti ce li troviamo di nuovo tra i piedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo l'ideale è che spariscano proprio dalla circolazione...ma verrà anche quel giorno credimi.

      Elimina
  23. Per amore di verità, avevano a disposizione alcune risorse, ma pare che il cuscus non leghi troppo bene con il lambrusco e non se la sono sentita.

    RispondiElimina
  24. La chiusura delle feste dell'unità è il naturale epilogo di una politica distruttiva del tessuto sociale da un lato, e dall'altro a mio parere è un obiettivo voluto e cercato proprio per isolare le persone ancora di più. Il motivo è chiaro: la situazione è quello che è ed è sotto gli occhi di tutti, basta UNO che comincia certi discorsi (sovversivi, ca va sans dire) e tutti gli vanno dietro (ovvove, la ggente comincia a pensare?). Fare in modo che le persone non si riuniscano più è voluto. Questi sì che li vedrei bene in un girone dantesco... (ogni riferimento è puramente casuale). ;)

    RispondiElimina
  25. Che poi, nun voglio dì, ma io me dovrei fà governà da ggente che pe' griglià na sarsiccia c'ha bisogno der cuoco?

    RispondiElimina
  26. Girando in rete ho trovato questo video di Fusaro su la7 dell'anno scorso, direi decisamente (purtroppo) molto attuale. Titolo: “L’Euro ha cancellato 150 anni di diritti sociali, non è una moneta ma un programma di sottomissione” (eh, qui ce n'eravamo accorti).

    Aggiungo questo articolo di Blondet a mio parere descrittivo degli scopi che le elites stanno perseguendo, e come. Riporto questi passi, agghiacianti nella loro lucidità di analisi:
    "Ecco la nuova fase che ci hanno preparato: il governo zootecnico, “l’allevamento-condizionamento di masse umane per l’utilità degli allevatori”. Già lo fanno per via mediatica “restringendo e omogeneizzando le rappresentazioni che gli umani hanno della realtà” e “tabulizzando e psichiatrizzando il dissenso e la contro-informazione”, fino a renderla penalmente perseguibile. Lo fanno con “la Buona Scuola”, l’attuale sistema educativo congegnato in modo da non sviluppare facoltà cognitive, né l’attenzione sostenuta, né la capacità di auto dominio né di differire le gratificazioni e sopportare le frustrazioni”: il metodo perfetto per “produrre persone deboli, dipendenti, condizionabili, incapaci di opporsi”.
    E poi:
    "Impressionante l’esempio che fa (NB: nell'articolo parla di un libro)della scomparsa della borghesia produttiva, culturalmente vivace, e reattiva, rovinata dalle crisi deflattive continue e dal fisco rapacissimo. Non è un caso malaugurato. E’ che “la piramide sociale va interrotta lasciando uno spazio vuoto sotto il suo apice [il famigerato 1% che concentra l’80% delle ricchezze] , così che l’apice sia al sicuro dalle scalate (mobilità verticale) dagli attacchi delle classi intermedie erudite”.

    "Contrariamente a quel che fa credere la narrativa holllywwodiana, le rivoluzioni non le fanno gli affamati – questi hanno da far la fila alla Caritas e agli uffici di collocamento, a fare le pratiche per il “bonus”, razzolare fra la spazzatura dei mercati di frutta e verdura – ma le classi emergenti nella prosperità; a fare la Rivoluzione fu la borghesia che, sicura dei suoi mezzi economici ed intellettuali, strappò i diritti politici.

    Quelli con la pancia vuota sono passivi e remissivi, aspettano il bonus da 80 euro, i giovani passano da un precariato all’altro e non avranno mai una pensione sufficiente a farli sopravvivere..."
    Buon ascolto, e buona lettura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi ultimi anni hanno fatto scivolare una parte della classe intelllettuale nella depressione. L'altra parte si è semplicemente adeguata al potere.

      Elimina
  27. Significativo che parole così vere sulla natura e sulla prossima sorte dei sinistrati vengano da una persona che, alla luce dei suoi trascorsi di "denunciatore di fascisti" (vedi sua recensione a Emilio Gentile, Le origini dell'ideologia fascista, su "L'Unità" dl 16 ottobre 1976), sulla carta dovrebbe essere (e magari lo era) un rappresentante tipico di questa categoria.

    RispondiElimina
  28. Alberto non dimenticare che i mancini almeno un pregio lo hanno: la fantasia lessicale! Chi ha inventanto infatti la "terza via" e, ironia della sorte, l'€urocomunismo ante litteram? Questa volta se la potrebbero cavare così: reclutando gli chef stellati di partito. Mi immagino uno alla Bottura, quello che nel CV può vantare si aver ha cucinato per Il cazzaro di Rignano...quando era ancora fra di noi! Vissani no, lui è ormai in disgrazia visto serviva il capo della cosca sconfitta e secessa
    Certo dovrà essere un evento esclusivo per location e invitati: pochi ma buoni. Ma in fondo dove starebbe l'anomalia per il partito dei lavoratori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Bottura se n'è andato dall'Italia ... anzi, aspetta, ci ha ripensato!

      Da manuale l'esercizio di logica piddina, il tollerante non tollera di vivere tra intolleranti, che sia intollerante pure lui? "non mi ritrovo più in un Paese così, in un Paese di intolleranti". Forse il Maestro si riferiva a vegetariani, vegani, celiaci, ecc. che gli rendono la vita impossibile? Attento, questo è un "hate speech" contro le minoranze!

      Ma caro Bottura, sono una cosa sono d'accordo con te, "Il punto non è Renzi, o Grillo. È la logica per cui “in Italia non si può fare”.": vale anche per l'uscita dall'euro, vero?

      Freccero mito assoluto: "“Io ho la mia teoria: in un ristorante con una stella ancora si mangia. In un ristorante con tre stelle non si mangia più niente o mangi pochissimi e delle cose schifose”.

      Elimina
  29. Ho visto che su Facebook la deputata Alessia Rotta, da sempre molto attiva anche in tv a decantare le lodi di questi ultimi 2 pessimi e disastrosi governi, informa i cittadini che ora c'è il "treno del pd", che si fermerà in molte città italiane e chiede di partecipare per potere riallacciare i contatti con gli italiani.
    Sanno che siamo stufi di loro, cominciano a capirlo.

    RispondiElimina
  30. Sì ci vuole calma .. circa 4 anni fà incuriosito dal tema mi imbattei in un video del prof B. Ascoltandolo attentamente mi resi conto che effettivamente avevo importanti lacune su gli argomenti esposti dal prof.. allora spinto sia dalla noia che dalla curiosità ho cominciato radicalmente a cambiare le mie letture.. bé.. a un certo punto capii che quello che avevo sempre pensato sulla moneta sull economia era soltanto una convinzione indotta a mó.. di Ave Maria" tipo "L € ci ha salvato".. "la globalizzazione è irreversibile.." insomma tutte le filastrocche della setta Piddina..
    forte di questa mia illuminazione ad ogni dibattito con amici o malcapitati cittadini di matrice piddina schiumavo.. peggio di quando a 15 anni e mi rubarono la vespa...
    Ma così passavo come un pazzo/populista/nazionalista/ignorante..
    Capii che non era quello il modo, seguii il consiglio del prof. (Cioè di non scaldarmi contro i piddini con rabbia o alzando i toni).
    Pazienza premiata.. neanche 15 giorni fá mi ritrovo in una situazione con amici di amici tutti piddini e non solo piddini nell'animo ma anche piddini "istituzionali". Loro parlavano di quei pazzi che vogliono uscire dall euro e tutti i discorsi di contorno..
    Io ho cominciato a estraniarmi dal discorso è a godermi la serata stellata facendogli sfogare nel loro "io so di sapere" quando incrociavano il mio sguardo annuivo con smorfie asettiche ..
    Ma a un certo punto il più intelligente di tutti, addirittura con la tessera piddina, essendo un galantuomo cerca di coinvolgermi nel discorso.
    Io dopo una prima risposta superficiale ed evasiva...
    Mi rendo conto che effettivamente stonava la situazione , solitamente sono molto loquace in situazioni conviviali, quindi ho sfoderato alcune nozioni con estrema calma e lucidità premettendo a i commensali che di solito quando parlo di questi argomenti tendo a menzionare dati verificabili e pubblicati..
    A un certo punto lo sguardo dei piddini si è incupito, non si aspettavano un dissidente al tavolo.. allora non vi annoio con i dettagli ma grazie a questo blog e gli spunti del prof ho gestito la situazione.. sapete come fa il piddino quando si sente all angolo e finisce i salmi EU si trincera in una risatina isterica cercando con lo sguardo L approvazione degli altri piddini.. sbeffeggiando..
    Ma io sono anni che mi alleno.. ero preparato... alla fine chi si è sbattuto come un invasato era in piddino, che gli crolla il pavimento..
    Sì ci vuole calma..
    Grazie prof.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.